Sede

Sezione di Archivio di stato di Ventimiglia

Ingresso 1: Via Hanbury, 12
Ingresso 2: Piazza C. Battisti, 3

sede Ventimiglia

Quando parliamo di Archivio non ci riferiamo soltanto alla documentazione, ma anche al luogo, alla struttura, in cui essa è custodita. Vale la pena di tracciare una breve storia dell'edificio che ospita la Sezione.

Sulla soglia di marmo della palazzina ora adibita a Sezione di Archivio di Stato si legge 1886. Si tratta di una tipica villetta tardo-ottocentesca a due piani, in stile rivierasco, oggi di un allegro color salmone, decorata con lesene e greche, le cui ampie finestre si affacciano su un piccolo giardino, ornato dagli immancabili agrumi, cactus e yucche della nostra soleggiata costa. Sappiamo per certo da documenti d'archivio che l'edificio, eretto come casa di abitazione, si deve ad uno spedizioniere di Milano, che acquistò il terreno dal Comune. L'immobile passò poi ad altri privati, fino a che, nel 1920, fu acquistato dalla Società umanitaria fondazione Loria, con sede a Milano, per essere espropriato cinque anni dopo per pubblica utilità, allo scopo di essere adibito a "ricovero per emigranti". Nel 1933, ormai bene demaniale, ospitò l'Ufficio per l'emigrazione al confine di Ventimiglia, che comprendeva anche un dormitorio di una ventina di letti. Dopo varie vicende, nel 1981 la Direzione generale del demanio ne consegnò una parte all'Archivio di Stato, che vi collocò, dopo lavori di adattamento, la Sezione, ubicata fino ad allora in locali presso la Biblioteca aprosiana, dotandola anche di appartamento per il custode. L'acquisizione nel 1994 della porzione residua portò ad una completa ristrutturazione dello stabile, al fine di renderne funzionale la statica, considerati i pesi non indifferenti che un Archivio comporta, garantire la messa a norma degli impianti e utilizzare razionalmente gli spazi. Ora un'ampia e luminosa sala di studio accoglie gli studiosi. E si può davvero dire che la trasformazione di una salottiera villetta fin de siècle, probabile status symbol di un imprenditore benestante, in severo ufficio statale, custode di antiche carte, non è certo stato dei più facili!

Telefono e fax: 0184 34249
e-mail: as-im.ventimiglia@beniculturali.it

Orario di apertura

lunedì:dalle 7.40 alle 13.15
martedì:dalle 7.40 alle 16.50
mercoledì:dalle 7.40 alle 13.15
giovedì:dalle 7.40 alle 16.50
venerdì:dalle 7.40 alle 13.15
 Chiuso il sabato. Santo Patrono: 26 agosto